• psicologa proto angela
  • psicologa proto angela
  • psicologa proto angela

ANALISI IMMAGINATIVA

analisi immaginativa

Disturbi d’ansia, attacchi di panico, disturbi alimentari, disturbi psicosomatici sono tutte espressioni entrate nel linguaggio comune. Si parla poco delle psicoterapie e delle tecniche utili a fronteggiare questi disturbi ed altre problematiche psicologiche. Tra queste, la Tecnica dell’Analisi Immaginativa, che interviene a livello verbale, corporeo e dell’immaginario.

Con l’Analisi Immaginativa è possibile esplorare la sfera affettiva inconscia, ascoltare le sensazioni ed i messaggi del corpo, ed intervenire al livello globale. Se finora le Psicoterapie Psicoanalitiche hanno privilegiato la sfera verbale come strumento di accesso all’inconscio, ora il linguaggio del corpo può essere utilizzato come strumento di indagine per le problematiche del paziente.

E’ inscritto nel corpo, oltre che nella psiche, il vissuto storico relazionale dell’individuo, il rapporto con il suo ambiente sociale e con le figure significative della sua vita, i traumi, le coercizioni, i divieti, le carenze e le difese. Ascoltare, percepire e sentire le parti del corpo attraverso le Tecniche di Rilassamento, aiuta a fare riemergere e rivivere ciò che è inscritto come radice storica dell’essere, come corpo, oltre che come psiche.

In questo senso appare efficace il Training Autogeno, il cui scopo non è il rilassamento, ma una sua naturale conseguenza. Attraverso lo stato di calma e di distensione è infatti possibile sciogliere tensioni, migliorare il rendimento in tutte le attività, eliminare i disturbi vegetativi ed una discreta varietà di disfunzioni psichiche e comportamentali. Col T.A. si possono contrastare anche disturbi gastrointestinali, (coliti, ulcere), dermatiti.....

DISTURBI D'ANSIA

Non tutte le persone che si ammalano di un disturbo d’ansia devono sottoporsi ad una terapia a lungo termine per eliminarla. D’altra parte i disturbi d’ansia, e in particolare l’attacco di panico e l’agorafobia, sono oggi tra i disturbi con la più alta incidenza sulla salute delle persone. Gli ambulatori dei medici di medicina generale, i pronto soccorso degli ospedali, gli studi dei cardiologi, sono i luoghi con un elevato passaggio di tali pazienti.

Gli attacchi di panico e l’agorafobia determinano un forte disagio, con pesanti conseguenze sul piano individuale e sociale. Quasi tutti i pazienti soffrono a tal punto da affermare sinceramente che preferirebbero avere una o anche più malattie fisiche anziché questo disturbo.

E, purtroppo, la gravità non si limita all’indicibile sofferenza, ma va ben oltre, provocando gravi danni, sia sul piano delle relazioni familiari e sociali, sia sul piano economico, provocando insanabili fratture, gravi limitazioni negli spostamenti, perdite o rinunce in ambito lavorativo, spese enormi per accertamenti e cure. Talvolta il disturbo raggiunge una gravità tale che la persona non riesce più ad uscire di casa, o svolgere un’attività lavorativa o qualsiasi altro senza la presenza di un accompagnatore. Per questo è molto importante giungere tempestivamente ad una diagnosi precisa in modo da potere intraprendere una terapia breve ed efficace.

Il trattamento migliore consiste in un progetto terapeutico integrato, con l’intervento farmacologico affiancato a quello psicoterapeutico e all’utilizzo di tecniche di rilassamento, come il Training Autogeno (T.A.), per la gestione dei sintomi e la percezione di autocontrollo.

Spesso il T.A. viene utilizzato come primo approccio terapeutico per gestire la sintomatologia che si manifesta. A tutti questi interventi, si può aggiungere un intervento socioterapeutico, con la partecipazione ai gruppi di auto-aiuto organizzati dalla LIDAP. La psicoterapia e le tecniche di rilassamento, aumentano l’efficacia degli psicofarmaci e consentono la loro stessa progressiva sospensione, riducendo così il rischio di ricadute. La psicoterapia è efficace per contrastare ed eliminare progressivamente gli attacchi di panico e l’ansia anticipatoria, e soprattutto prevenire l’evitamento agorafobico.

Psicoterapia e disturbi d'ansia

L’interesse per i Disturbi d’Ansia e di Panico è aumentato notevolmente negli anni, poiché questi sono tra i principali motivi di consultazione specialistica nell’ambito dei problemi psicologici. Stando ai dati forniti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), i disturbi d’ansia sono i più diffusi, con una stima, al 1996, di circa 400 milioni di casi. Gli ambulatori dei medici di medicina generale, i pronto soccorso degli ospedali, gli studi dei cardiologi, sono i luoghi con un elevato passaggio di pazienti affetti da disturbi d’ansia; d’altra parte, non tutte le persone che si ammalano di un disturbo d’ansia devono sottoporsi ad una terapia a lungo termine per eliminarla.

Come tutte le emozioni, anche l’ansia non è disfunzionale in sé ma, al contrario, è indispensabile per la sopravvivenza e segnala la percezione soggettiva di minaccia imminente per obiettivi importanti che vogliamo perseguire o per la nostra incolumità fisica. Tuttavia, la sovrastima del pericolo o la sottostima della capacità di farvi fronte, contribuiscono ad accrescere i sintomi d’ansia che, a loro volta, diventano fonte di minaccia per l’individuo che li sperimenta. Quasi tutti i pazienti soffrono a tal punto da affermare sinceramente che preferirebbero avere una o anche più malattie fisiche anziché questo disturbo. E, purtroppo, la gravità non si limita all’indicibile sofferenza, ma provoca gravi danni sia sul piano delle relazioni familiari e sociali, sia sul piano economico, con insanabili fratture, gravi limitazioni negli spostamenti, perdite o rinunce in ambito lavorativo, spese enormi per accertamenti e cure. Per questo è molto importante giungere tempestivamente ad una diagnosi precisa in modo da potere intraprendere una terapia breve ed efficace. Il trattamento migliore consiste in un progetto terapeutico integrato, con l’intervento farmacologico affiancato a quello psicoterapeutico e all’utilizzo di tecniche di rilassamento, come il Training Autogeno (T.A.), per la gestione dei sintomi e la percezione di autocontrollo. A tutti questi interventi, si può aggiungere un intervento socioterapeutico, con la partecipazione ai gruppi di auto-aiuto organizzati dalla LIDAP. La psicoterapia e il T.A. aumentano l’efficacia degli psicofarmaci e consentono la loro stessa progressiva sospensione, riducendo così il rischio di ricadute.

disturbi d'ansia
PROTO DOTT.SSA ANGELA | 61, Via Lirica - 48124 Ravenna (RA) - Italia | P.I. 02111750390 | Tel. +39 0544 278247   - Cell. +39 338 3885627 | Fax. +39 0544 278247 | angelicaproto@libero.it | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite Easy